Due angeli silenziosamente

Guarda, ti dico ancora come funzionano le cose per le persone del Regno.

Ho chiesto ad inizio anno di avere due persone per ogni ufficio che inizino la giornata con una preghiera.

Poi ho chiesto che ogni ufficio abbia un custode, solo uno, il quale sia responsabile dell’andamento,  pulizie, danni, il suo mantenimento insomma, e che apra la mattina e chiuda la porta la sera e conservi le chiavi.

Non voglio che copie delle chiavi siano in mano ad altri ma restino a disposizione dentro l’ufficio, per entrare ed uscire a chiunque ne abbia bisogno durante la giornata.

Le due funzioni, quella di orante e quella di custode, potrebbero essere svolte da un’unica persona.

Avevo affidato a Francesco M. l’ufficio di Modena e a Arsen D. quello di Fiorano.

Poi sono stato via per più di un mese. Rientrato, vengo a sapere che Francesco aveva lasciato le chiavi di Modena a Victoria e questa ad Andrea, l’unico che rimaneva tutto il giorno, mentre Francesco se ne andava tranquillamente a Fiorano per lavorare lì.

A Fiorano Arsen ed Enold si sono spostati in LB e l’ufficio è stato occupato da Claudio che è un esterno e non ha le chiavi.  Quindi nessuno apre e chiude e nessuno prega.

Però oggi Charif mi confessa non senza qualche esitazione che vorrebbe le chiavi di Fiorano perché all’ora di pranzo già da un mese andava là a pregare.

Stuzzicato da questa piacevole richiesta chiamo Meriem, ospite a Modena e anche lei musulmana, per sapere se aveva praticato là la preghiera durante la mia assenza. Risposta affermativa.

Due angeli silenziosamente difendono il nostro piccolo Regno.